Che cos’è la Malattia Renale Cronica?

La Malattia Renale Cronica (MRC) è una sindrome che colpisce i reni e che causa la perdita progressiva della loro funzionalità: i reni perdono la capacità di filtrare il sangue dalle scorie e di svolgere le altre importanti funzioni. Questa perdita è alla base di diversi danni nell’organismo.

La perdita di funzionalità renale, inizialmente può non dare alcun sintomo. I primi sintomi sono di natura generica (mal di testa, fatica, nausea) e si manifestano solitamente a partire dallo stadio 3. Una volta individuata la malattia è importante iniziare a curarla.

Il trattamento conservativo comporta un trattamento farmacologico e un trattamento dietetico nutrizionale, ed ha lo scopo di gestire i sintomi e di mantenere il più possibile la funzione renale residua. Senza le cure e gli accorgimenti dietetici adeguati, la MRC si aggrava e può portare a malattie cardiache o ad altri disturbi come sovraccarico idrico, alterazioni alla ossa, anemia, acidosi metabolica.

La perdita di funzionalità renale, inizialmente può non dare alcun sintomo. I primi sintomi sono di natura generica (mal di testa, fatica, nausea) e si manifestano solitamente a partire dallo stadio 3. Una volta individuata la malattia è importante iniziare a curarla.

Quanto è diffusa la Malattia Renale Cronica in Italia?

Una condizione di alterata funzione renale che persiste per più di 3 mesi ed è classificata in 5 stadi di crescente gravità.

In Italia, si stima che siano circa 3 milioni le persone affette da MRC nei vari stadi.

Il 7,5% della popolazione maschile e il 6,5% della popolazione femminile (studio CARHES).

Diagnosi precoce

Malattia renale cronica: diagnosi e trattamento di una patologia sempre più diffusa!

A livello mondiale si stima che 1 persona su 10 sia affetta da malattia renale cronica (MRC), una patologia definita come “presenza di alterazioni morfologiche/strutturali e di alterata funzione renale che persistono per più di 3 mesi”.

Approcci nutrizionali

Malattia renale cronica, diete low-protein e prodotti aproteici: facciamo chiarezza!

Le diete ipoproteiche sono utilizzate nei pazienti con malattia renale cronica per ritardare la comparsa dei sintomi uremici, ridurre i prodotti azotati derivati dal catabolismo proteico e posticipare la necessità di iniziare il trattamento dialitico di mantenimento

Scarica il Catalogo prodotti

Con tutti i prodotti e le novità

Vuoi avere più informazioni sulla TDN e sui prodotti?

Contatta l’informatore scientifico della tua zona.

Info scientifiche

"*" indica i campi obbligatori

Newsletter
Profilazione